top of page

CONCILIAZIONE VITA PROFESSIONALE E PRIVATA

Aggiornamento: 28 mar


Il tema della conciliazione tra vita professionale e vita privata è stato oggetto negli ultimi anni di particolare attenzione, sia da un punto di vista sociale che politico.


Di seguito una panoramica sulle misure attualmente vigenti volte a facilitare la conciliazione dei tempi di vita con i tempi di lavoro, tra le quali assumono particolare rilievo quelle poste a tutela della maternità e della paternità (organicamente disciplinate dal D.Lgs. n. 151/2001) e per l'assistenza dei soggetti con disabilità (previste principalmente dalla legge n. 104/1992), nonché quelle che introducono misure economiche a sostegno della maternità.


Altre disposizioni riguardano più strettamente il mondo del lavoro. Tra queste si segnalano, in particolare, quelle in tema di lavoro agile, disciplinato dalla Legge n. 81/2017 e di trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, ai sensi del D.Lgs. n. 81/2015.


Il quadro normativo è stato di recente modificato dal D.Lgs. n. 105/2022 - di attuazione della direttiva (UE) 2019/1158 in tema di equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza. Tali disposizioni, comprese quelle relative al congedo di paternità obbligatorio, per espressa previsione normativa si applicano anche ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, ferme restando le eventuali indicazioni operative fornite dal competente Dipartimento della funzione pubblica (cfr. Circ. INPS 122/2022). Eventuali disposizioni integrative del D.Lgs. 105/2022 potranno essere adottate dal Governo entro il 13 agosto 2024, ai sensi dell'articolo 31 della legge n. 234/2012.


Sempre in tema di conciliazione vita lavoro, si segnalano le deleghe contenute agli articoli 3 e 4 della legge n. 32/2022, esercitabili dal Governo entro il 12 maggio 2024.


Commenti


bottom of page